2000battute

«Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.» –Tomasi di Lampedusa

Piove sul Ndoukouman – Mbacke Gadji

PIOVE SUL NDOUKOUMAN
Mbacke Gadji
Edizioni dell’Arco

Librino piccolo comprato da uno di quei venditori di strada senegalesi, di quelli ai quali dici sempre – No, dai, no, ne ho preso uno la settimana scorsa – poi ti fai convincere perchè sono gentili e quando chiedi – Quanto costa? – loro dicono – Dieci euro – e tu a volte dici – Eeeehh… dieci euro! Nooo troppi – e lo prendi per cinque, altre volte invece fai – Vabbè – e gliene dai dieci pensando che forse gli rimane qualcosa in più a loro.
Poi li abbandoni nella libreria o li perdi o scompaiono chissà come, ma non li leggi mai che tanto mica li prendi per leggerli, ma solo per pena.
Così almeno è quello che succede a me.

E invece, andrebbero letti, ho scoperto, e da oggi in poi li leggerò tutti quelli che mi rifileranno perchè questo Piove sul Ndoukouman è stato davvero piacevolissimo.

Una specie di on the road su camion per le piste battute del Senegal con una trama incalzante fatta di colpi di scena continui.
Il protagonista, Samba, ragazzino all’arrembaggio della vita, viene derubato e deruba a ripetizione, scappa da una parte poi torna indietro, incontra loschi trafficanti, guerriglieri, spacciatori e donne conturbanti, si promette sposo a tre o quattro di loro, un tira e molla tra un villaggio e l’altro, una peripezia e l’altra, con il camion del boss Boy Ndjaye del quale è aiuto autista come filo conduttore o nave che segna la rotta.

Divertente e scintillante, scritto in modo ingenuo, sembra a tratti un italiano stentato, scolastico, ma un tripudio di fantasia nell’intrecciare la storia e nel creare il personaggio che appare talvolta un mezzo matto, almeno secondo il nostro canone, per le svolte repentine che dà alla sua vita e alle sue considerazioni.

E alla fine gran finale!

– Volevo aspettarti, rimango con te, sono tua moglie come vuole la tradizione.

Sarò l’ultimo a negarti la debolezza,
la tua insufficienza manifesta,
il tuo peccato veniale.
Sarò l’ultimo a negarti la salvezza, 
il sostegno, la crescita.
Riconosco i bisogni del tuo ego,
il suo grido, le sue lacrime,
il tuo dilemma è la storia, la vita, la morte. 

– Certo! Sei mia moglie come vuole la tradizione, questa è la mia casa, ed è mio anche il camion. La vita continua!

Se vi capita di comprare un librino dai ragazzi senegalesi, chiedete se ce l’hanno Piove sul Ndoukouman, sono un paio d’ore di lettura ben spese con un libro migliore, ne sono sicuro, di molti che trovate impilati all’ingresso di certe librerie con tanto di fascetta che annuncia meravigliose meraviglie. E se anche questo non ce l’hanno, ma ormai avete detto -Vabbè ne prendo uno – quel che vi capita leggetelo, non saranno capolavori (domanda: perchè tra i best seller ci sono capolavori?) però secondo me è facile che vi metta di buonumore.

Annunci

Commenta, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 giugno 2012 da in Autori, Editori, Edizioni dell'Arco, Gadji, Mbacke con tag , , .

Copyleft

Licenza Creative Commons
2000battute è distribuito con licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Autori/Editori

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: