2000battute

«Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.» –Tomasi di Lampedusa

Educazione Siberiana – Nicolai Lilin

EDUCAZIONE SIBERIANA
Nicolai Lilin
Einaudi 2009

Difficile esprimere un’opinione su questo libro, ci sono luci e ombre, ma non sono del tutto certo di cosa per me sia luce e di cosa sia ombra.
Quindi procedo a piccoli passi, didascalico.
Certamente lo considero un buon libro nel suo complesso, ricco di piccole vicende che si snodano sulla voce narrante, giocosa, ironica e ingenua.
Nel titolo, la parola chiave è nascosta, sepolta sotto lo spazio tra “Educazione” e “siberiana”, ed è “criminale”.
Il significato di “criminale” è il perno attorno il quale ruota tutta la narrazione. Criminale significa, come è ovvio, “dedito al crimine”, ovvero “fuori dalla Legge”. Questo nel significato comune. Che non è il significato che prende nella storia.
Per un motivo: non esiste “la Legge”, esistono diverse leggi, quindi “criminale” significa “fuori da una legge”, quella sbagliata, quella dei ricchi e dei poliziotti, quella degli altri, i non criminali, che non sono gli onesti, tuttavia. I criminali sono gli onesti.
È solo un cambio di prospettiva, niente di strano.
Nel mondo di Nicolai tutto è criminale, criminale siberiano, in particolare.
Le vicende e la storia descrivono una società tribale incastrata nella Transnistria, l’antica Bessarabia, parte dell’URSS a cavallo del crollo del ’89 poi Russia, né più né meno, dove ogni tribù è un mondo a sé, con la propria razza, le proprie regole, territorio, membri ed educazione. E gli incontri tra tribù, come sempre è stato, sono spesso sanguinosi.
Ma non è questo il punto.
I personaggi e le vicende hanno i tipici tratti disegnati con la matita grossa della tradizione slava, eccessivi fino all’inverosimile, caricaturali ed esagitati.
Ancora, neanche questo è il punto.
Il punto è l’iperviolenza che viene raccontata, continua, spontanea, a carrettate, ogni vicenda si conclude in esplosioni di violenza bestiale.
E mi domandavo perché, mentre lo leggevo.
È un’iperviolenza mista tra la truculenza intestinale all’Arancia Meccanica e la composta, medioborghese, perbenista iperviolenza dei vecchi western, con il bravo cow-boy dal viso da perfetta brava persona che ne ammazza dieci di quelli sporchi e scuri ogni volta che esce di casa, per poi ritrovarsi al saloon con la camicia intonsa e i pantaloni ancora stirati a dire “Giornata tranquilla oggi, i soliti venti o trenta stecchiti”.
Ecco, la storia di Lilin ha un po’ il sapore del vecchio western, genere degnissimo, naturalmente, sarcastico e moralista. Molto moralista, ti mostra il peggio, ma con garbo e col dito alzato. Un po’ di morale stile “dalla merda nasce un fiore” o “dietro la facciata pulita c’è il marcio”. Un po’ così.

Ultima cosa, meno didascalica: io cado dalla sedia (dal divano, per la verità) quando leggo termini come “casino”, “‘sto”, “‘sta”, “intortare”, “un tot” e altre stupidaggini del genere da banale gergo cittadino, che suonano bene nella prosa come un violino suonato con la suola di una scarpa.
O come se nel dialogo tra Ramon Rojo (Gian Maria Volontè) e Joe (Clint Eastwood), anziché esclamare “Gringo!”, “Sei morto!”, “Che ti succede Ramon, ti trema la mano?” e l’eternamente celebre “Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, quello con la pistola è un uomo morto. Vediamo se è vero. Raccogli il fucile, carica e spara.”, avessero detto idiozie come “Hey brutto cazzaro!”, “Ti faccio un paiolo tanto!”, “Che casino stai facendo cagasotto?” e “Se c’hai la pistola e ti scazzi con uno col fucile, quello ti fa un tot di buchi. Fa un po’ vedere se è vero. Piglia ‘sto fucile e prova a sparare”.

Non è la stessa cosa, c’è un bel cazzo di differenza, ma tanta differenza.
Inspiegabile svarione editoriale, che lascia un retrogusto cattivo di prodotto, forse, fin troppo confezionato.

Annunci

Un commento su “Educazione Siberiana – Nicolai Lilin

  1. 19melograno
    18 marzo 2016

    Nicolai Lilin l’ho conosciuto ed è veramente così, la sua vita è un intreccio per noi inverosimile, un vero personaggio dostojewskiano. Secondo me dopo tutto quel tumulto della sua vita in Transnistria ha trovato la pace in Italia, dove vive benissimo e parla un italiano perfetto

Commenta, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 novembre 2011 da in Autori, Editori, Einaudi, Lilin, Nicolai con tag , , .

Copyleft

Licenza Creative Commons
2000battute è distribuito con licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Autori/Editori

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: